Isabella Fabbri

Nata a Ferrara nel 1988, si diploma in saxofono e musica da camera con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di Marco Gerboni presso il Conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara.

Si perfeziona con Mario Marzi al Conservatorio “G. Verdi” di Milano, dove ottiene con lode il Diploma accademico di II livello, specializzandosi nel repertorio contemporaneo.

Completa i suoi studi, allargandosi alla musica elettroacustica e alle musiche improvvisate, presso il Conservatorio di Strasburgo nella classe di Philippe Geiss, conseguendo il Diplôme de spécialisation con mention bien.
Si è inoltre perfezionata, nel corso di masterclass, con maestri di fama internazionale quali Claude Delangle, Vincent David, Jean-Denis Michat, Christian Wirth, Jean-Marie Londeix.Laureatasi con lode presso la Facoltà di Musicologia dell’Università di Pavia (sede di Cremona) con una tesi di filologia musicale, ottiene successivamente il Diploma di perfezionamento in “Cognizione musicale: Neuroscienze, Psicologia e Pedagogia della Musica” presso l’Accademia del Teatro alla Scala di Milano. E’ attualmente dottoranda in arti performative presso l’Università di Lisbona.
Nonostante la giovane età, si è esibita in alcune delle più importanti sale da concerto europee tra cui il Teatro alla Scala di Milano, l’Auditorium Parco della Musica di Roma, il Flagey di Bruxelles, l’Auditorium della Cité de la Musique et de la Danse di Strasburgo e nell’ambito di festival internazionali come il Festival Milano Musica, La Biennale di Venezia, il Festival George Enescu di Bucarest, il Festival Música Nova di San Paolo (Brasile).

E’ ideatrice e performer di “Sounds at an Exhibition”, performance per musei di arte contemporanea che fonde arte visiva e musica, presentata in prima assoluta nel 2015 al MAMCS di Strasburgo durante il 17° Congresso e Festival Mondiale del Saxofono. Il progetto è vincitore del premio Movin’Up 2015 del Ministero Italiano dei Beni Culturali ed è oggetto di una tesi di dottorato in arti performative alla quale Isabella lavora presso l’Università di Lisbona.

Premiata in concorsi nazionali ed internazionali, si è esibita come solista con numerose orchestre italiane (Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza, Orchestra dell’Accademia Filarmonica di Bologna, Orchestra della Magna Grecia, ecc.) ed ha realizzato più di 30 prime esecuzioni di nuovi brani scritti per saxofono.

Ha collaborato come orchestrale con l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, la Filarmonica della Scala e con l’Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi di Milano, sotto la guida di noti direttori quali Riccardo Chailly, Peter Eötvös, Wayne Marshall, Emilio Pomarico. E’ membro del Dynamis Ensemble di Milano e della European Contemporary Orchestra diretta da Raoul Lay e Jean-Paul Dessy, con cui si è esibita in Festival di tutta Europa, lavorando con importanti compositori tra i quali Ivan Fedele, Bernard Cavanna, Adrian Iorgulescu.

Dal 2014 fa parte dell’Elise Hall Saxophone Quartet, dedito al repertorio crossover per quartetto di sax, e del Gershwin Quintet, con cui ha inciso il disco “A Stairway to Paradise” interamente dedicato al compositore americano George Gershwin e prodotto dall’etichetta Digressione Music. Sempre per la stessa etichetta è in uscita un suo disco di musiche di Bach e Scelsi per strumento solo in collaborazione con il clarinettista Rocco Parisi.

E’ artista e portavoce dei marchi D’Addario Woodwinds e BG France nell’ambito di showcase, masterclass e festival dedicati al saxofono e al clarinetto, in tutta Italia.

E’ fondatrice e presidente di CrossingArts, associazione culturale per la promozione dei linguaggi artistici contemporanei, dedita nello specifico alla creazione di perfomance dove dialogano tra loro diverse forme d’arte, con fini culturali, educativi e sociali.